EVENTI


Rotary News

Numero 21
15 Giugno 2011
Pagine 1 - 2

 

Dai tempi più lontani, i potenti affidavano la formazione dei loro figlioli ad un precettore scelto tra le grandi personalità della cultura per farne appunto il maestro di vita di giovani menti chiamate ad un grande futuro. Letterati, scienziati, filosofi, poeti hanno ricoperto tale ruolo ed hanno affiancato i loro “pupilli” anche nell’età adulta, divenendo importantissimi consiglieri e ricoprendo, quindi, un ruolo educativo fondamentale. Ispirandosi a questi nobili princìpi e proponendosi come, forse, l’ultimo precettore moderno, il professor Marco Rinaldi ha inteso presentare gli aspetti  fondamentali di quell’insieme di norme, definite comunemente come “galateo”, che rappresentano la base del saper vivere ed impostare relazioni sociali, basilari, a suo dire, per dotare il giovane degli strumenti per essere ben accetto in ogni ambiente grazie appunto ad una “Educazione” che da tempi lontani sta alla base del vivere civile. Il Professore ha letto e fatto propri passi del  “Galateo” di Monsignor Della Casa, citando, altresì, il “Cortegiano” di Baldassare Castiglione, due testi che ancor oggi ritiene vantino una loro modernità. Le nuove generazioni tendono a sfuggire a questa rigorosa mentalità e scuola e famiglia incontrano molti ostacoli e, spesso, non sono in grado di fornire quanto una figura come il “precettore” può, invece, con la sua preparazione, agendo sulla formazione globale di un adolescente, per “traghettarlo” verso la vita adulta con una consapevolezza diversa del suo posto da occupare nella società.